sesso, telefono erotico

I 5 sensi

Carissimo passato un buon weekend, come stai, ti sei riposato? Oggi ti vorrei parlare dei 5 sensi, vista, tatto, gusto, olfatto e udito! Da quale comincio? Ma dal tuo preferito, 1) la VISTA!!! Almeno, al 95% dei casi. Perché la vista? Non lo so di preciso (perdonami, ma non riesco a sapere tutto!) sta di fatto che è quello che preferisci, infatti mi vengono chieste di continuo foto e video… Certo, non sono l’unica ad avere queste richieste, ma tant’è… Nel “silenzio degli innocenti” Lecter spiegava a Clarice come la vista creasse desiderio e Clarice, nella sua infinita perspicacia e un gioco di logica sequenziale, riusciva ad individuare il maniaco di turno… Guardando, hai la possibilità di capire precisamente quello che la donna sta provando ad avere quell’omone dentro di sé, o quanto quell’uomo sta godendo a farla sua con tutta la potenza di cui è capace! E ti riesce ad immedesimarti nella situazione… Mi sbaglio? Ti confesserò: anche a me piace guardare. A me piace guardare due ragazzi che si amano e si baciano, o che fanno l’amore, oppure un’orgia dove le donne sono in minoranza… 2) Il tatto: quanto mi piace usarlo questo senso, sentire la sua pelle e riuscire a distinguerla a seconda della specifica parte del corpo, la sua morbidezza, quanto è calda o fresca, quanto è duro o se posso impegnarmi ancora per migliorarlo… o anche solo un foulard di seta… Il tatto non solo quello delle mani ma della pelle in tutta la sua interezza, è un senso un po’ trascurato, annebbiato se vogliamo, perché la parte del leone la fa la vista, ed è per questo che, secondo me ogni tanto ci dovremmo bendare, per “spegnere” la vista e “potenziare” gli altri sensi, tipo il tatto, appunto! E poi puoi svilupparlo OVUNQUE: quando scopo con più uomini insieme mi piace scoprire l’identità usando solo la mia patatina quando viene penetrata… 3) Il gusto: non so voi ma a me piace MANGIARE, mangiare bene, e non poco ma buono, TANTO e buono, va da sé, detesto i ristoranti in cui le porzioni sono da lager, 2 forchettate e hai finito, giusto a sporcare il piatto e spendere una fortuna! Almeno una volta nella vita dovremmo reinterpretare la scena di 9 settimane e mes per gustare e condividere l’esperienza del cibo mischiato a sorpresa con chi ami o che semplicemente ti arrapa da morire!!! E soprattutto ho imparato a “condire” le parti interessate con ingredienti vari, io preferisco i dolci, panna, miele, sciroppi (quello alla menta spalmato sul glande dà un effetto ghiaccio che contrasta col calore della bocca… Ecco, quando voglio farlo venire in fretta uso lo sciroppo alla menta!!! Prova e fammi sapere!) Un’altra cosa che ho scoperto è il gel lubrificante, ne ho trovato uno FANTASTICO, giapponese, su un sito davvero carino, pleasureroom.it, tra l’altro poco caro, che mi ha fatto fare e provare sensazioni tattili (e di gusto e di olfatto!!!) davvero incredibili, ‘sti giapponesi ne sanno davvero una più del diavolo!!! 4) L’olfatto: ecco, io detesto la pelle che sa solo più di profumo e/o dopobarba!!! Ma, malgrado la palestra, non sapete più sudare? A me piace odorare la pelle che sa di persona e non di manichino asettico, questo non vuol dire che “si ll’omo è omo ha ddà puzzà” sia chiaro, ma meno che mai l’effetto manichino asettico, il profumo della pelle DEVE ricordarmi la persona con cui ho scopato (bene o male!) perché è anche dal profumo che si capisce il grado di compatibilità inconscia che una persona può suscitare nell’altro!!! Per cui se il profumo artificiale prende il sopravvento è come se schermasse una parte importante della persona con cui entro in contatto, per qualunque motivo! Quasi come i baffi o la parrucca su un viso o addirittura un ritocco di photoshop, non so se mi spiego! 5) L’udito: è la morte mia, che te lo dico a fare? Ci ho costruito una carriera su questo senso, mi PIACE sentire un uomo che gode, o il suo crescendo, magari a occhi chiusi (quanto è ingombrante ‘sta vista!!!) mi appaga sapere che solo con l’udito riesco a costringerti, per la felicità di tua moglie, a ridare il bianco in salotto… Per me, riuscire a farti godere solo utilizzando l’udito, il senso che nel sesso usi meno – è testato! – è una gran bella botta di autostima! Grazie al solo udito la tua fantasia mentale può raggiungere vette incredibili e appagarti quanto (o di più, se il tuo rapporto importante è in fase di stanca) un rapporto reale… Me l’appoggi?

In conclusione? Secondo me, caro maschietto, dovresti mettere da parte la vista, o in un ambiente completamente buio o con quelle mascherine leggere da viaggio e dare e ridare spazio agli altri quattro sensi che, ahimè, nel tempo e grazie a rigide regole di buona creanza abbiamo trascurato e quasi dimenticato, ma ti garantisco che anche gli altri sensi hanno molto da dare… Certo, non dovrai avere fretta, QUELL’incontro d’amore (o di solo sesso) dovrà essere fatto con calma per dare tempo e spazio agli altri sensi di riaffiorare e resuscitare (in questo senso mi permetto di sconsigliare la pausa pranzo dopo il panino e il caffè) per donarti sensazioni che nulla hanno da invidiare a quelle della vista, un po’ “famolo strano” se vogliamo, ma decisamente meno pura dinamica e più coinvolgimento emotivo anche se non hai intenzione di scoparla una volta di più…

Mi fai sapere? Sono curiosa!!! 3496521447 Buona giornata, M. Masha!

sesso, telefono erotico

I Preliminari

95

I preliminari, il petting, LI ADORO DA SEMPRE, da quando, in età adolescenziale, ho iniziato i primi timidi approcci sessuali. Va da sé, nel tempo sono stati sempre meno timidi, via via più decisi, spinti e sicuri, sempre alla ricerca, quasi ossessiva, di far godere il più possibile il ragazzo di turno, in attesa di scoprire la sensazione di averlo dentro! Il petting era l’unica, quasi disperata, alternativa al rapporto completo, che per me sarebbe arrivato solo tre anni dopo l’inizio della mia vita sessuale… La mia “prima volta” è avvenuta a quasi 17 anni (li avrei compiuti quattro giorni dopo!) se vuoi, ti racconterò i dettagli in privato!  

Quando ero ancora vergine, mi piaceva masturbare e leccare il pene e zone limitrofe, per degli interi quarti d’ora. Sapendo che non avremmo scopato, praticavamo il petting con molta più enfasi ed entusiasmo, molto più di ora!

Una volta che ho iniziato a scopare, ho tralasciato un po’ il petting, perché, a parte il gusto per la novità, e il gusto per la nuova sensazione di averlo dentro, (che cambiava ogni volta che cambiavo ragazzo, e relativo cazzo, s’intende!), mi facevano andare “dritta al sodo”, non so se mi spiego!      

E a oggi, io li preferisco dopo… Tu?

Perché dopo? Perché come sento la lingua accarezzarmi il collo e le orecchie,  mi abbasso per succhiarlo velocemente e con tanta saliva per farlo indurire e umettarlo per non farmi troppo male quando entra, per prenderlo SUBITO…  Quando ho scopato e sono venuta, magari anche più di una volta, allora, CON CALMA, mi dedico ai preliminari! D’altronde lo dice la parola stessa, giustappunto!

Quando mi sento particolarmente ispirata, parto dalla nuca, mi piace soffiarci sopra e mordicchiarla (piano, s’intende, non voglio lasciare segni, né tantomeno staccare pezzi), perché mi piace vedere la pelle d’oca sulle braccia di chi mi sta sotto, sentire i suoi gemiti mentre contrae e distende le dita sulle lenzuola, e poi passare alla cervicale, alternando sempre i soffi leggeri con sospiri e morsi (sempre delicati), sulle spalle, le scapole, percorrere la colonna vertebrale fino al coccige, e poi addentare i glutei con decisione, e leccarli, per poi spingermi tra le cosce e leccare tutto quello trovo fino all’ombelico, e tornare su fino alla gola, percorrendo il torace e annusando e solleticando le ascelle… E tutto perché mi piace caricarlo per la volta (botta) successiva! Per questo non amo le sveltine!    

Oppure, se non sento l’urgenza di sentirmi presa all’istante, mi piace fare un bel massaggio con olio profumato, ma usando tutto il corpo, non solo le mani! Uso molto il seno, soprattutto sulla sua schiena fino ai glutei…

Sì, per me i preliminari si concentrano volentieri anche sulla parte posteriore, ma tranquilli, se non espressamente richiesto, non faccio scherzi strani, tipo irruzioni a sorpresa in zone a limite invalicabile! A meno di una richiesta esplicita (meglio se accompagnata da una dichiarazione in bollo e firmata!), non mi permetto massaggi prostatici, anche se chi li ha provati DA CHI LI SA FARE BENE, li ha molto apprezzati.

Ma torno a ripetere, se non mi viene richiesta, non mi permetto penetrazioni anali! Mi piace mettere il lui di turno a pecora per baciare l’apertura però, e su questo non transigo… A pecora l’ano e il perineo si raggiungono e si leccano meglio, poi arrivare allo scroto è un attimo!  Tanto, chi mi conosce, sa che non mi permetterei mai un gesto tanto sgradito! E una volta che sono sotto tra le sue cosce, spesso il lui di turno mi inchioda sul letto e ricambia le mie “cortesie” con un entusiasmo selvaggio, quasi con rabbia, come se volesse punirmi!

E poi il 69!!!! Quello cerco di farlo tuuuuuutte le volte che posso! Se non faccio un 69 non mi sembra nemmeno di avere scopato. Insomma, secondo me, il 69 è il minimo sindacale!!! Ce n’est pas?

Devo dire che da quando ho iniziato a scopare, la masturbazione del pene l’ho tralasciata un po’! In effetti dovrei ritrovare un po’ la mano (letteralmente!), in effetti dovrei ricominciare a lasciare più spazio al petting, anche perché si prolunga la durata e si migliora la qualità del rapporto! Insomma, solo il coito, può durare magari anche mezz’ora (magari!), se invece si aggiungono gesti e attenzioni, piccoli “esperimenti” il tempo e i brividi possono dilatarsi, e aggiungere VOGLIA alla VOGLIA di entrambi…  

 E tu, come la pensi?

Chiamami, mi trovi al 3496521447!

Mistress Masha