sesso, telefono erotico

I 5 sensi

Carissimo passato un buon weekend, come stai, ti sei riposato? Oggi ti vorrei parlare dei 5 sensi, vista, tatto, gusto, olfatto e udito! Da quale comincio? Ma dal tuo preferito, 1) la VISTA!!! Almeno, al 95% dei casi. Perché la vista? Non lo so di preciso (perdonami, ma non riesco a sapere tutto!) sta di fatto che è quello che preferisci, infatti mi vengono chieste di continuo foto e video… Certo, non sono l’unica ad avere queste richieste, ma tant’è… Nel “silenzio degli innocenti” Lecter spiegava a Clarice come la vista creasse desiderio e Clarice, nella sua infinita perspicacia e un gioco di logica sequenziale, riusciva ad individuare il maniaco di turno… Guardando, hai la possibilità di capire precisamente quello che la donna sta provando ad avere quell’omone dentro di sé, o quanto quell’uomo sta godendo a farla sua con tutta la potenza di cui è capace! E ti riesce ad immedesimarti nella situazione… Mi sbaglio? Ti confesserò: anche a me piace guardare. A me piace guardare due ragazzi che si amano e si baciano, o che fanno l’amore, oppure un’orgia dove le donne sono in minoranza… 2) Il tatto: quanto mi piace usarlo questo senso, sentire la sua pelle e riuscire a distinguerla a seconda della specifica parte del corpo, la sua morbidezza, quanto è calda o fresca, quanto è duro o se posso impegnarmi ancora per migliorarlo… o anche solo un foulard di seta… Il tatto non solo quello delle mani ma della pelle in tutta la sua interezza, è un senso un po’ trascurato, annebbiato se vogliamo, perché la parte del leone la fa la vista, ed è per questo che, secondo me ogni tanto ci dovremmo bendare, per “spegnere” la vista e “potenziare” gli altri sensi, tipo il tatto, appunto! E poi puoi svilupparlo OVUNQUE: quando scopo con più uomini insieme mi piace scoprire l’identità usando solo la mia patatina quando viene penetrata… 3) Il gusto: non so voi ma a me piace MANGIARE, mangiare bene, e non poco ma buono, TANTO e buono, va da sé, detesto i ristoranti in cui le porzioni sono da lager, 2 forchettate e hai finito, giusto a sporcare il piatto e spendere una fortuna! Almeno una volta nella vita dovremmo reinterpretare la scena di 9 settimane e mes per gustare e condividere l’esperienza del cibo mischiato a sorpresa con chi ami o che semplicemente ti arrapa da morire!!! E soprattutto ho imparato a “condire” le parti interessate con ingredienti vari, io preferisco i dolci, panna, miele, sciroppi (quello alla menta spalmato sul glande dà un effetto ghiaccio che contrasta col calore della bocca… Ecco, quando voglio farlo venire in fretta uso lo sciroppo alla menta!!! Prova e fammi sapere!) Un’altra cosa che ho scoperto è il gel lubrificante, ne ho trovato uno FANTASTICO, giapponese, su un sito davvero carino, pleasureroom.it, tra l’altro poco caro, che mi ha fatto fare e provare sensazioni tattili (e di gusto e di olfatto!!!) davvero incredibili, ‘sti giapponesi ne sanno davvero una più del diavolo!!! 4) L’olfatto: ecco, io detesto la pelle che sa solo più di profumo e/o dopobarba!!! Ma, malgrado la palestra, non sapete più sudare? A me piace odorare la pelle che sa di persona e non di manichino asettico, questo non vuol dire che “si ll’omo è omo ha ddà puzzà” sia chiaro, ma meno che mai l’effetto manichino asettico, il profumo della pelle DEVE ricordarmi la persona con cui ho scopato (bene o male!) perché è anche dal profumo che si capisce il grado di compatibilità inconscia che una persona può suscitare nell’altro!!! Per cui se il profumo artificiale prende il sopravvento è come se schermasse una parte importante della persona con cui entro in contatto, per qualunque motivo! Quasi come i baffi o la parrucca su un viso o addirittura un ritocco di photoshop, non so se mi spiego! 5) L’udito: è la morte mia, che te lo dico a fare? Ci ho costruito una carriera su questo senso, mi PIACE sentire un uomo che gode, o il suo crescendo, magari a occhi chiusi (quanto è ingombrante ‘sta vista!!!) mi appaga sapere che solo con l’udito riesco a costringerti, per la felicità di tua moglie, a ridare il bianco in salotto… Per me, riuscire a farti godere solo utilizzando l’udito, il senso che nel sesso usi meno – è testato! – è una gran bella botta di autostima! Grazie al solo udito la tua fantasia mentale può raggiungere vette incredibili e appagarti quanto (o di più, se il tuo rapporto importante è in fase di stanca) un rapporto reale… Me l’appoggi?

In conclusione? Secondo me, caro maschietto, dovresti mettere da parte la vista, o in un ambiente completamente buio o con quelle mascherine leggere da viaggio e dare e ridare spazio agli altri quattro sensi che, ahimè, nel tempo e grazie a rigide regole di buona creanza abbiamo trascurato e quasi dimenticato, ma ti garantisco che anche gli altri sensi hanno molto da dare… Certo, non dovrai avere fretta, QUELL’incontro d’amore (o di solo sesso) dovrà essere fatto con calma per dare tempo e spazio agli altri sensi di riaffiorare e resuscitare (in questo senso mi permetto di sconsigliare la pausa pranzo dopo il panino e il caffè) per donarti sensazioni che nulla hanno da invidiare a quelle della vista, un po’ “famolo strano” se vogliamo, ma decisamente meno pura dinamica e più coinvolgimento emotivo anche se non hai intenzione di scoparla una volta di più…

Mi fai sapere? Sono curiosa!!! 3496521447 Buona giornata, M. Masha!

Annunci
sesso, telefono erotico

Il sesso orale


RIECCOMI, come state? Potrete perdonarmi per questa lunga assenza? Ho avuto un periodo di continue defaillances, e una conseguente mancanza di ispirazione che mi ha lasciata senza ossigeno, ma non ho mai smesso di pensare a voi… Ma andiamo a cominciare, anche se oggi sarò breve… Quanto mi piace usare la bocca… Per raccontare, certo (anche sussurrare frasi eccitanti È fare sesso orale, secondo me), ma anche per baciare, baciare e baciare CVUNQUE!!! E poi leccare, mordere e succhiare, s’intende… Mah… Non solo la zona pelvica. A me piace esplorare anche l’immediato intorno, maschile e femminile, dall’ombelico al coccige, unitamente a un bel massaggio fatto con tutto il corpo, non con solo le mani, a mio modesto avviso non si dovrebbe aver paura di usare tutto quello che si ha a disposizione…

La bocca andrebbe usata con quel giusto mix di dolcezza e rudezza, per intenderci, saper dosare il soffio leggero, la carezza con la punta MORBIDA della lingua e il morso, quello che non lascia segni visibili, è chiaro, ma solo sottopelle, che se ti sfiori il giorno dopo, senti quel piccolo dolore che ti riporta inevitabilmente al momento in cui il partner ti ha morso, anche mentre il capo ti sta cazziando per una cavolata che hai fatto sul lavoro o alla riunione coi francesi, o sotto la doccia nei bagni della palestra, facendoti male, sì, riportandoti in quel letto e facendoti risentire anche il piacere che in quei momenti hai provato, e prolungandolo fino ai giorni successivi, tutte le volte che ti tocchi con le dita o muovi il collo e i nervi inavvertitamente si contraggono! Sembra un dolore inutile, esagerato, eccessivo, magari lo è, ma per quello che mi riguarda, al termine di una SCOPATA che si è rivelata VULCANICA, io il morso sul collo lo PRETENDO (e quando spiego il motivo, a richiesta lo ricambio!)

Perché sul collo? Intanto perché essere baciata lì mi piace tantissimo (e piace anche a moltissime altre donne, tenetelo a mente!) perché il collo è MOOOOOOOLTO sensibile, e poi perché è comodo sfiorarsi senza dare nell’occhio, e se qualcuno chiede spiegazioni, molto candidamente si può dire <<Ah sì, ho un doloretto, devo aver preso un colpo d’aria…>>. Il colpo d’aria ci sta sempre bene, in inverno perché fa freddo, in estate per l’aria condizionata e non sfiguri mai! E se chi ve lo chiede ha letto questo articolo? Morirà d’invidia, peggio per lui, e meglio per te, che hai un ricordo da goderti, bontà tua!

Un altro punto che piace è l’interno delle braccia, all’altezza del gomito, soprattutto. Mentre sei lì, sotto al partner che sta infierendo sopra di te, avvicinare la tua bocca alle sue braccia tese e leccargliele come se stessi leccando un’asta GIGANTESCA (un avambraccio al confronto di un pene È GIGANTESCO, poco da fare…) fa sentire il partner ancora più apprezzato, non si sta lì solo a prendere ma si riesce a dare anche quando si è inchiodati sotto…

E poi se ci si abitua e si impara ad apprezzare il piacere di usare la bocca aumenta la durata del rapporto, lo diversifica, e aumenta le “variabili” dei gesti e l’intesa col partner…

Secondo me non si dovrebbe mai smettere di  usare la bocca, dalla bocca si dovrebbe passare alla guancia e seguire la linea della mascella e sotto, e arrivare al mento e mordicchiarlo, soffiare la pelle delicata del sottomento e poi risalire dalla mascella e raggiungere i lobi delle orecchie, stuzzicarli con la lingua e soffiare all’interno del padiglione e mordere il punto in cui finisce il collo e inizia la spalla, da ritornarci quando si sta venendo e si morde con tutto l’entusiasmo necessario per lasciare il ricordo di cui sopra per i giorni successivi…

E poi si può continuare anche dopo, dopo aver goduto, lentamente…

Spero di essere stata esaustiva, provate e fatemi sapere se avevo ragione…

Mi trovate sempre al 3496521447, dal lunedì alla domenica, dalle 9 alle 23,

Un bacio osceno dove preferite… M.M.